– PERO (MILANO) – “Sarà Passive Refrigeration Solutions S.A. a dare una nuova missione e un nuovo futuro al sito napoletano di Whirlpool”. Lo scrive l’azienda in un comunicato appena diffuso ma fuori il portone del Mise scoppia la rabbia di un gruppo di lavoratori.L’Azienda è impegnata a sostenere un costo dell’operazione di vendita quantificabile in 20 milioni di euro si legge ancora nella nota ma i sindacati rompono il tavolo con la Sottosegretaria Alessandra Tadde e chiedono di convocare l’azienda al ministero annunciando che in mancanza di risposte più convincenti saranno adottate iniziative più incisive ha sottolineato Gianluca Ficco (Uilm).Il trasferimento del ramo d’azienda, spiegano i vertici di Whirlpool è stato identificato nel complesso aziendale di Napoli alla società Passive Refrigeration Solutions S.A. (PRS), attiva nel campo della produzione e vendita di sistemi di refrigerazione passiva.Nelle prossime settimane, Whirlpool e PRS intendono dare la propria disponibilità, con una nota che verrà inviata domani 18 settembre, ad effettuare con i sindacati e le controparti istituzionali l’esame congiunto del trasferimento del ramo d’azienda e del piano industriale “che garantirà nuova vita allo stabilimento di Napoli e ai suoi 410 dipendenti”. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)