– MESTRE – Nonostante una stretta dei cordoni che ha toccato anche i ministeri, continua a “correre” la spesa corrente per i consumi intermedi della Pubblica amministrazione. E’ quanto sostiene la Cgia di Mestre: “Nel 2018 lo Stato centrale, le sue articolazioni periferiche, le Regioni e gli Enti locali hanno speso 100,2 mld”. Il confronto con i principali Paesi Ue ci colloca tra i più “spendaccioni”.Nel 2017 per i consumi intermedi la nostra Pa ha speso il 5,5% del Pil, contro il 5% della Spagna,il 4,9 della Francia,il 4,8% della Germania e la media dei Paesi dell’area euro al 5,1% del Pil. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)