Come difendere un’idea innovativa? Al via il tour della startup Proofy

343

BOLOGNA – Sarà Proofy, la startup che semplifica la protezione della proprietà intellettuale, la prima di una lunga serie di realtà ospitate dal nuovo Polo creativo della rete Doc di Bologna, inaugurato la scorsa settimana in via San Lorenzo, 20.

Giovedì 7 novembre appuntamento alle ore 18.45 con Come difendere un’idea innovativa®, prima tappa del tour nato per illustrare le regole alla base della proprietà intellettuale, che a seguire toccherà le città di Trento, Torino, Roma, Bari e Milano (partecipazione gratuita con registrazione e posti limitati). I relatori saranno Valentina Panizza, co-founder di Proofy, e Arlo Canella, managing director dello studio legale Canella Camaiora, avvocato attivo nel settore della proprietà intellettuale.

Proofy nasce per tutelare imprese e startup che, molto spesso, non sanno che “chiacchierare di qualcosa di innovativo” prima di depositare il marchio, o facendolo nelle modalità sbagliate, può arrivare a distruggere la possibilità di ottenere un valido brevetto. Un discorso che non è limitato al mondo delle creazioni fisiche ma che è sempre più legato anche alle piattaforme web e ai progetti che vengono sviluppati quotidianamente in digitale.

Il tour Come difendere un’idea innovativa® arriva quest’anno alla terza edizione, forte di presenze in crescita costante, grazie anche al particolare metodo di presentazione utilizzato. Essenziale, formativo e ricco di esempi iconici, permette di illustrare le regole alla base della proprietà intellettuale in solo un’ora e mezza e con un linguaggio comune e comprensibile a tutti: imprenditori, startupper, liberi professionisti, creativi e artisti che hanno bisogno di scoprire come tutelarsi sul mercato.

«Da quasi 30 anni Doc Servizi e la rete Doc si occupano di dare sostegno, legalità, sicurezza e formazione ai professionisti dell’industria culturale e creativa – spiega Daniela Furlani, Responsabile Sviluppo del Territorio di Doc Servizi e presidente di Doc Creativity –. Battezzare il nuovo polo bolognese, il primo in Italia a cui seguiranno quelli di Roma, Milano e Bari, con la presentazione di una startup nata per proteggere il lavoro creativo ci è sembrata una scelta particolarmente significativa».

«Abbiamo scelto la nuova sede della rete Doc in quanto nostro partner da tempo – ha dichiarato Valentina Panizza, co-founder di Proofy –. Siamo grati per averci accolto nella sede di Bologna inaugurata recentemente; è un onore poter presentare il nostro evento formativo anche nel territorio bolognese con il supporto di Doc, che come noi collabora a sostegno della creatività e della cultura».

(I-TALICOM)