FIRENZE – Renée E. Tirado sarà alla guida dei progetti sulla diversità, l’equità e l’inclusione a livello globale di Gucci. La manager, che ha precedentemente ricoperto il ruolo di chief diversity & inclusion officer presso la Major League Baseball, lavorerà da New York e riporterà direttamente al presidente e CEO Marco Bizzarri.
Tirado, si legge in un comunicato diramato dal brand del gruppo Kering, sarà responsabile dell’ideazione, dello sviluppo e dell’implementazione di “una strategia globale volta a creare un ambiente di lavoro ancora più inclusivo ed equo, rafforzando inoltre la diversità rispetto alle iniziative commerciali Gucci. Il suo ruolo include garantire l’implementazione della diversità, dell’equità e dell’inclusione (DE&I) in tutte le regioni, assumendo e guidando un team globale di DE&I”. La sua strategia si estenderà progressivamente anche agli attuali processi di selezione del marchio così come alle modalità di revisione e promozione interne dei talenti.
Pochi mesi fa la maison del lusso aveva avviato il progetto Gucci Changemakers, un programma globale a supporto del cambiamento, nell’ambito del suo sforzo già avviato in termini di diversity e inclusione. Lanciato internamente nel 2018, il programma prevede un investimento di 5 milioni di dollari nel Changemakers Fund, volto a supportare i cambiamenti sociali nelle città del Nord America, con un focus sulle comunità afroamericane, e di 1,5 milioni per un programma di borse di studio sempre nell’area, oltre a una serie di iniziative globali che puntano a incoraggiare l’impegno di tutte le persone che lavorano per Gucci in progetti di volontariato.

(I-TALICOM)