AEFI sigla accordo strategico con la Polonia: per le fiere italiane opportunità di crescita ed espansione

318

RIMINI – Nuova importante partnership strategica per il sistema fieristico italiano. AEFIAssociazione Esposizioni e Fiere Italiane ha siglato un Memorandum of Understanding con PCEI-Polish Chamber of Exhibition Industry, segnando un ulteriore risultato nel percorso di internazionalizzazione di AEFI a beneficio delle fiere italiane. La firma è stata apposta da Giovanni Laezza, Presidente di AEFI-Associazione Esposizioni e Fiere Italiane e da Przemyslaw Trawa, Presidente di PCEI- Polish Chamber of Exhibition Industry.
L’intesa conferma e formalizza l’interesse di entrambi i Paesi nello sviluppo oltre i confini nazionali dei due sistemi fieristici, in virtù dei comuni obiettivi di crescita e di rafforzamento commerciale. Entrambe le parti, infatti, sono fermamente convinte dell’importanza degli accordi internazionali per lo sviluppo economico e il documento rappresenta un impegno per la collaborazione e lo scambio di informazioni sulla situazione e l’evoluzione dei due sistemi economici e sulle politiche fieristiche dei due Paesi. Il memorandum conferma inoltre la volontà delle parti di promuovere le iniziative fieristiche del paese partner, di favorire la diffusione dei prodotti dei due Paesi nel mondo oltre che di aggiornare sulle opportunità di investimenti e joint venture anche attraverso l’organizzazione di incontri e seminari volti a per facilitare l’attività di networking.
L’accordo si inserisce nella strategia di internazionalizzazione di AEFI: andare all’estero è ormai una scelta imprescindibile e un’opportunità a cui il settore fieristico non può rinunciare in quanto leva fondamentale per supportare la crescita delle imprese italiane in uno scenario mondiale in continuo mutamento.
“Dopo l’avvio della collaborazione nel 2017 con Centrex – organismo di certificazione dei dati fieristici dell’Est Europa – abbiamo proseguito i nostri contatti, focalizzando l’attenzione sui mercati considerati strategici – commenta Giovanni Laezza, Presidente di AEFI -. Siamo molto soddisfatti di questo accordo: il nostro nuovo partner rappresenta infatti un Paese ad altissimo potenziale di sviluppo e una grande opportunità per le nostre fiere”.
“PCEI collabora da molti anni con i più importanti player del settore a livello internazionale tra cui UFIl’Associazione Mondiale delle Fiere, AUMA-l’Associazione dell’industria fieristica tedesca e CENTREX- International Exhibition Statistics Union – aggiunge Przemysław Trawa, Presidente di PCEI -. L’avvio della partnership con AEFI è un ulteriore passo del nostro progetto di sviluppo internazionale, soprattutto perché il mercato italiano è uno dei più interessanti nel panorama fieristico europeo. È un onore per noi collaborare con un’associazione così competente”.

Secondo l’analisi di East Capital, asset manager indipendente specializzato nei mercati emergenti e di frontiera, la Polonia, pur in un contesto di rallentamento dell’economia globale, nel 2019 si è distinta come campione europeo di crescita. Con un tasso annuo costante di forte crescita pari al 4,2%, tra il 1992-2019, il paese sta recuperando costantemente il ritardo rispetto all’Europa occidentale ed è diventata la settima economia dell’Ue con un Pil totale di 524 miliardi di euro. Un vivace panorama imprenditoriale costituito da piccole e medie imprese (PMI), che beneficiano di un ampio mercato interno e di forti vantaggi competitivi nei paesi vicini, è importante fonte di crescita che contraddistingue la situazione economica del Paese. Per quanto concerne i numeri del comparto fieristico polacco, dall’analisi di Centrex emerge che nel 2019 si sono tenute oltre 200 manifestazioni certificate che hanno occupato più di 880.000 mq, coinvolgendo oltre 28.000 espositori e 1 milione e 600 mila visitatori professionali.

(I-TALICOM)