Investimento serie A da 16 milioni di euro per Refurbed, la startup e-commerce dei prodotti ricondizionati garantiti.

430

VIENNA – Refurbed è una piattaforma online specializzata nella vendita di prodotti elettronici ricondizionati pari al nuovo, con minimo 12 mesi di garanzia, ma fino al 40% più convenienti e al 100% ecosostenibili. Fondata nel 2017, l’azienda è attualmente operativa in Austria, Germania, Italia e Polonia e conta più di 150.000 clienti in tutta Europa. Nel 2019, l’e-commerce ha quintuplicato le vendite rispetto all’anno precedente, registrando un volume lordo di merchandising (GMV) superiore ai 40 milioni di euro. Per il 2020, refurbed si pone l’obiettivo di superare i 100 milioni di euro in GMV.

“La nostra missione è quella di portare dispositivi ricondizionati in tutte le case d’Europa e di cambiare le abitudini di consumo, non solo a livello del singolo, ma dell’intera società,” queste le parole di Peter Windischhofer, co-fondatore di refurbed, che aggiunge: “Questo round di finanziamenti rappresenta il prossimo grande passo verso il conseguimento del nostro ambizioso obiettivo.”

Riku Asikainen, socio Dirigente del principale investitore Evli Growth Partners, commenta: “Ammiriamo il team di refurbed, che riesce ad avere un impatto positivo per il nostro Pianeta e ad essere, al contempo, un successo a livello finanziario. La forte cultura dell’azienda, unita alla risoluta missione ambientale porterà questo team a raggiungere vette formidabili.”

Charlie Ryan, socio di Almaz e board member di diverse compagnie multimiliardarie, afferma: “È molto raro vedere aziende con una crescita così veloce che siano capaci di mantenere nel tempo una unit economics tanto redditizia. Siamo felici di far parte di questa storia di successo.”

Refurbed conta uno staff di più di 80 dipendenti, che comprendono 15 nazionalità e parlano 20 lingue. Tutto ciò ha avuto un ruolo fondamentale nel successo dell’azienda. “Il nostro team e la nostra cultura sono stati la chiave del successo ottenuto fin qui. Siamo davvero grati di poter lavorare con un gruppo di persone così straordinario,“ dichiara il co-fondatore Kilian Kaminski.

Nel 2019, Windischhofer e Kaminski, due dei tre fondatori, sono rientrati nella classifica “30 Under 30 Europe” stilata da Forbes. Il nuovo round di capitali, che è principalmente equity, ma che include anche una piccola componente di debito, sarà utilizzato per conquistare il mercato tedesco e per entrare in tre ulteriori mercati europei nel 2020. “Questo gruppo di investitori ci permette di accedere ad un’esperienza che coniuga più di 200 investimenti, diverse decadi di storia imprenditoriale e conoscenze di mercato di numerose regioni d’Europa,” conclude Jürgen Riedl, CTO e co-fondatore della startup.

(I-TALICOM)