ROMA – ” Le nostre Piccole e Medie Imprese, hanno oggi il compito di assumersi in prima persona una forte responsabilità sociale, che potrebbe vederle in prima linea in un’azione per il rilancio del Sud. La difficile situazione del nostro Sud, che emerge impietosa dai dati dell’analisi SVIMEZ, deve trovare l’attenzione, oltreché del Governo, anche delle imprese italiane e in particolare delle PMI del Nord, che in questi anni hanno rappresentato l’architrave dell’economia e hanno tenuto in piedi il Paese.”

Lo dichiara il presidente del Gruppo Ebano, Vice Presidente di Confindustria e presidente della Piccola Industria di Confindustria Carlo Robiglio, intervenendo nel dibattito sui dati della Svimez sul Sud presentati ieri.
Robiglio proprio ieri ha annunciato l’acquisizione del controllo del 75 per cento dell’azienda pugliese E-development attraverso Accademia del Cimento S.r.l., la holding dedicata agli investimenti in Startup e PMI innovative del Gruppo, con la quale aveva acquisito sempre in Puglia nel 2018 VsShopping, società proprietaria della piattaforma di e-commerce Zampando.

“Investire nel Sud – continua Robiglio – per la piccola impresa, vuole significare consapevolezza del proprio ruolo sociale, sia nei confronti del paese che delle future generazioni.
Un Sud connotato ancora, nonostante tutto, da Atenei di eccellenza, da giovani che non vogliono arrendersi al declino, da ecosistemi che andrebbero aiutati e supportati. Il ruolo sociale che sempre più dovrebbe permeare la figura dell’imprenditore italiano, dovrebbe portare molti di noi a guardare al Sud come una opportunità sulla quale investire e “scommettere” in funzione del Paese e del futuro dei nostri giovani.
Io stesso ho potuto constatare in prima persona le grandi competenze e le eccellenze di un territorio come quello pugliese, ho avuto modo di investire su due società del territorio e sto valutando a breve altre opportunità di investimento sempre nella stessa area”.

(I-TALICOM)