Generalfinance approva il bilancio e chiude il 2019 con un utile netto superiore ai 4 milioni di euro

92

MILANO – L’Assemblea ordinaria di Generalfinance ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2019 – redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS – che evidenzia un utile netto pari a 4,2 milioni di euro, in netta crescita (+43%) rispetto al 2018.
Il monte dividendi che verrà distribuito è pari a 2,1 milioni di euro, con un dividend yield1 del 14% circa. Il dato relativo al ROE, nel 2019, si è attestato al 27,6%, a conferma dell’elevata redditività del business model  della società.
“I risultati realizzati nel 2019 sono un’ulteriore conferma della capacità di Generalfinance di crescere nel proprio core business rappresentato dal finanziamento – attraverso lo smobilizzo del portafoglio crediti Italia ed Estero – delle piccole e medie imprese con particolare focus ed esperienza su quelle distressed” – ha commentato Massimo Gianolli, Amministratore Delegato di Generalfinance.
L’Assemblea ha quindi rinnovato il Consiglio di Amministrazione – composto da: Massimo Gianolli, Presidente, e da Leonardo Etro, Alberto Angelo Landoni, Bruno Messina e Alessio Poi – e il Collegio Sindacale – composto da: Paolo Lazzati, Presidente, Federica Casalvolone e Andrea Di Giuseppe Cafà, quali Sindaci Effettivi.
Al termine dell’Assemblea, il Consiglio di Amministrazione ha nominato
• Massimo Gianolli, Amministratore Delegato di Generalfinance
• Leonardo Luca Etro, responsabile della Funzione Unica di Controllo
• Alessio Poi, responsabile della Funzione Antiriciclaggio Generalfinance, alla luce dell’emergenza nazionale e in linea con le disposizioni delle autorità, ha predisposto ed attuato nelle ultime tre settimane un piano che ha permesso di mantenere la piena continuità operativa grazie alla modalità smart working attiva mediamente per il 95% delle risorse umane presenti nelle sedi di Biella e Milano, con l’obiettivo di tutelare e garantire la salute e la sicurezza dei propri collaboratori. In questo contesto, la piattaforma informatica proprietaria consente di gestire il processo di smobilizzo dei crediti commerciali in modalità totalmente digitale, sia per quanto riguarda il front end, sia per quanto riguarda il back end.

“Sono grato a tutto il mio staff per come ha saputo affrontare con determinazione e versatilità a questa complessa situazione che stiamo vivendo – ha aggiunto Massimo Gianolli. “Allo stato attuale – grazie alle dotazioni informatiche in uso e ai processi organizzativi su cui investiamo da anni – tutti i nostri dipendenti operano in modalità agile, con piena funzionalità e accesso ai sistemi informativi e operativi. Tutti lavorano con la consueta determinazione e dedizione e con quel pizzico di orgoglio che ci fa sentire componenti di una grande famiglia di cui fanno parte anche i nostri clienti, a cui dobbiamo garantire l’accesso ai servizi finanziari H24. Generalfinance è pronta a supportare tante nuove imprese fornendo liquidità in maniera rapida ed efficiente, sfruttando le straordinarie peculiarità che lo strumento del factoring – nostro core business – mette a disposizione per favorire lo smobilizzo del circolante”

(I-TALICOM)