“Smettere di fumare con un farmaco per il diabete: lo hanno dimostrato i ricercatori Unicam”

470

CAMERINO – Importante scoperta dei ricercatori Unicam che può
rappresentare una nuova strategia nella battaglia per smettere di fumare.
Un farmaco comunemente usato per trattare il diabete di tipo 2 abolisce infatti i segni
caratteristici dell’astinenza da nicotina: è quanto dimostrato dal gruppo di ricerca
coordinato dal prof. Roberto Ciccocioppo della Scuola di Scienze del Farmaco e dei
Prodotti della Salute di Unicam e composto dalla dr.ssa Esi Domi e dal prof. Massimo
Ubaldi e da colleghi dell’Università di Bologna, della Linköping University in Svezia e
dell’azienda statunitense Omeros Corporation.
Lo studio è stato appena pubblicato dalla prestigiosa rivista internazionale Journal of
Neurosciences.
L’astinenza da nicotina provoca in coloro che tentano di smettere di fumare diversi effetti
collaterali, quali aumento dell'appetito, irrequietezza, ansia, irritabilità e depressione, tanto
che molti fumatori non smettono di fumare, anche se estremamente motivati a farlo, per
non essere costretti ad affrontare dei sintomi così spiacevoli.
Il pioglitazone, farmaco utilizzato nelle terapie antidiabetiche, ha come bersaglio uan
specifico recettore, PPARγ, che si trova in aree del cervello coinvolte nella dipendenza da
sostanze.
“Con il nostro lavoro di ricerca – sottolinea il prof. Ubaldi – abbiamo dimostrato che le
iniezioni dirette di pioglitazone nell’area cerebrale dell'ippocampo di topi hanno ridotto i
segni di astinenza fisica da nicotina, inclusi i tremori. L'iniezione di pioglitazone in un'altra
area, l'amigdala, ha invece migliorato i sintomi dell’ansia associati alla sospensione della
nicotina”.
Il gruppo di ricercatori Unicam ha avuto il ruolo di coordinamento della ricerca anche delle
altre unità italiane, svedesi ed americane ed inoltre il laboratorio del prof. Ciccocioppo è
stato il primo a dimostrare che il farmaco antidiabetico pioglitazone può essere utile nel
trattamento della dipendenza da sostanze da abuso come alcol e nicotina.
I soggetti fortemente dipendenti dalla nicotina hanno un rischio maggiore di circa il 30%
di sviluppare il diabete di tipo 2. I risultati di questo studio suggeriscono che, se usato in
pazienti diabetici con abitudine al fumo, il pioglitazone, oltre a migliorare la sensibilità
all’insulina, può rappresentare un valido aiuto per smettere di fumare attenuando i sintomi
fisici ed emotivi dovuti all'astinenza da nicotina.
“Anche a nome dell’intera comunità universitaria – ha sottolineato il Rettore Unicam
Claudio Pettinari – esprimo grande soddisfazione per questo ulteriore successo che
conferma l’eccellenza della qualità della ricerca scientifica Unicam, sempre più spesso
riconosciuta anche a livello internazionale, in settori di notevole interesse che coinvolgono
il benessere e la salute pubblica”.

(I-TALICOM)