«The art and insdustry of narration», il nuovo corso di laurea della Cattolica

115
Il primo corso di laurea per formare i professionisti della narrazione
Aperte le iscrizioni a questa innovativa opportunità formativa, interamente in inglese, che unisce il mondo dell’industria della scrittura: letteratura, cinema, tv e animazione

 

MILANO – Dal 5 ottobre si inaugura un percorso formativo inedito nel panorama didattico italiano: per l’anno accademico 2020/2021 nasce a Milano presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore un nuovo corso di Laurea MagistraleThe art and industry of narration: from literature to cinema and tvcompletamente in inglese, all’interno della facoltà di Lingue, letterature e culture straniere. Le iscrizioni sono già aperte, fino al 29 settembre.

L’arte della narrazione ha assunto un’importanza sempre più rilevante, non solo nelle aree classiche della narrativa e dell’editoria ma anche nei prodotti televisivi e cinematografici, all’interno di uno scenario sempre più multimediale che vede coinvolti nuovi player e nuove piattaforme, accanto a strumenti di comunicazione come i social network che utilizzano lo storytelling.

Il Corso

Il corso, della durata di 2 anni, nasce per rispondere a all’esigenza, sia artistica che industriale, di formare i futuri professionisti nell’ideazione, sviluppo e distribuzione di contenuti narrativi; l’obiettivo del percorso didattico è fornire agli studenti strumenti validi e concreti per intraprendere una carriera nel settore della narrazione, basata su una solida base letteraria, che sappiano trovare nuove storie e raccontarle in modo efficace attraverso le tecniche e le modalità in cui oggi possono essere declinate sui diversi media.
La progettazione e il coordinamento di questo nuovo corso di laurea nascono dalle esperienze di ricerca ma anche professionali di due docenti della Facoltà di Scienze Linguistiche dell’Università Cattolica di Milano: il Prof. Arturo Cattaneo, ordinario di Letteratura inglese, giornalista professionista e autore di romanzi, e il Prof. Armando Fumagalli, ordinario di Semiotica e consulente di sceneggiatura per la Lux Vide (Anna Karenina, Guerra e Pace, le tre stagioni di Medici e la serie in produzione per Rai1 Leonardo), nonché Direttore del Master in International Screenwriting and Production, da 20 anni vera e propria fucina di talenti della scrittura per il Cinema, la Tv e l’Editoria e della Produzione audiovisiva.
È previsto il coinvolgimento di docenti che uniscono alla formazione accademica un impegno diretto nell’industria editoriale e televisiva, come Paolo Braga, uno dei più apprezzati docenti italiani di sceneggiatura televisiva e che ha anche lavorato per Ballandi Entertainment, Fox e Lux Vide, Daniela Pagani, editor e responsabile della comunicazione per le edizioni Neri Pozza, ed Eleonora Fornasari, autrice di programmi per bambini della Rai e di libri per ragazzi, oltre che sceneggiatrice di animazione per prodotti internazionali come Giulio Coniglio o la pluripremiata serie YoYo.
Tra i corsi previsti: storia dell’industria cinematografica, l’arte e l’industria dell’editoria, dal romanzo al film (con uno approfondimento della letteratura sia britannica che statunitense), scrittura per cinema e tv, scrittura e produzione per l’animazione, cinema italiano contemporaneo.
Nel percorso studi è previsto anche uno specifico focus sull’animazione e sui prodotti per bambini e ragazzi. “L’animazione e i prodotti per i più giovani sono parte di un settore ormai strategico a Milano – afferma Armando Fumagalli – una città che ospita la sede di Disney Italia, DeAgostini, Atlantyca (la ‘madre’ di Geronimo Stilton), Piemme (con il marchio Il battello a vapore) e diverse case di produzione di animazione e/o specializzate in contenuti per bambini e ragazzi come 3Zero2 (Alex & Co., Penny on M.A.R.S., Come diventare grandi nonostante i genitori).
Il nuovo indirizzo – dichiara Arturo Cattaneo – avrà una solida base letteraria applicata alle forme di narrazione del mondo moderno: autori come Shakespeare non sono limitati alla sfera del mondo anglosassone, ma sono veri e propri padri della letteratura universale e di archetipi narrativi che si trovano anche nel cinema e nelle serie tv contemporanee”.
Con The Art and Industry of Narration – prosegue Armando Fumagalli, “vogliamo contribuire a preparare per le aziende dell’area milanese in primis, ma anche di altre città o Paesi, dei professionisti che possano muoversi con flessibilità fra editoria e tv, fumetto e animazione, cinema e nuovi media: la formazione nelle strutture narrative è centrale e può avere una spendibilità amplissima”.
L’Università Cattolica di Milano consolida così l’impegno a formare autori ed editor di storie per la parola scritta e le diverse forme dell’audiovisivo sul solco di percorsi già attivi e fortemente professionalizzanti come quello del Master in International Screenwriting and Production, , e diversi altri Master della stessa area, accanto a iniziative come il progetto StoryLab, realizzato in collaborazione con la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti e il supporto di Fondazione Cariplo; iniziative volte a sviluppare un vero e proprio distretto dell’audiovisivo a Milano e a ergerla a capitale italiana dell’industria narrativa.
(I-TALICOM)