I cuscinetti SKF aiutano il rover su Marte

TORINO – A consentire le attività fondamentali del rover nell’ambiente ostile del pianeta Marte sono i cuscinetti a sfere a sezione sottile Kaydon RealiSlim, sviluppati e prodotti da SKF presso il centro di progettazione globale dedicato dell’azienda a Muskegon e il suo sito di produzione ampliato di recente a Sumter, Stati Uniti. Questi componenti altamente tecnologici contribuiscono a mantenere in condizioni ottimali il braccio robotico principale, la torretta di prelievo, il portapunte degli strumenti e l’unità di movimentazione campioni durante un viaggio della durata di vari mesi nello spazio, nonché a garantirne le funzionalità previste sul pianeta Marte. SKF ha fornito anche cuscinetti critici per il veicolo di lancio della missione, che ha trasportato il rover e il suo lander, il veicolo di atterraggio, nello spazio.

 

I cuscinetti SKF giocheranno un ruolo chiave nel processo vitale di prelievo dei campioni su Marte. Quando il rover è pronto a prelevare i campioni sulla superficie, il braccio robotico si sposta in posizione di prelievo e il portapunte entra in azione, mettendo a disposizione strumenti per perforare o abradere il materiale, che viene quindi prelevato dall’apposita torretta (“la mano”) e trasferito all’unità di movimentazione campioni per l’elaborazione a bordo del rover e infine il potenziale ritorno sulla Terra per l’analisi tramite una futura missione su Marte.

 

“I cuscinetti che abbiamo progettato e realizzato per aiutare il rover a eseguire le sue principali attività scientifiche erano basati su più modelli di cuscinetti a sfere a sezione sottile Kaydon, personalizzati dai nostri ingegneri per ridurre al minimo il peso e l’ingombro, assicurando al contempo la massima efficienza e affidabilità per una missione in cui riparazioni e sostituzioni non sono un’opzione praticabile” spiega Isidoro Mazzitelli, Director di Product Development and Engineering Americas. Per le applicazioni spaziali il peso dei gruppi di cuscinetti deve essere ridotto a una piccola frazione rispetto a quello dei gruppi standard.

 

I modelli base Kaydon vengono spesso personalizzati per creare soluzioni destinate a clienti specifici e utilizzate in applicazioni che richiedono un perfetto equilibrio tra resistenza, peso, dimensioni, funzionalità e affidabilità, come attrezzature chirurgiche robotizzate, produzione automatizzata di precisione, verniciatura di precisione, sistemi aeronautici, scanner per la sicurezza aeroportuale e sistemi TC medicali.

 

Oltre all’ultima missione, SKF vanta una tradizione pluridecennale in qualità di fornitore per programmi spaziali globali, che risale alla missione Apollo 11 della NASA. “Cuscinetti, tenute e altri prodotti della nostra azienda hanno contribuito alla realizzazione di una vasta gamma di veicoli spaziali e al successo delle missioni nello spazio per oltre 40 anni”, ha commentato John Schmidt, Presidente di SKF USA, Inc. “I nostri componenti hanno preso parte alle precedenti missioni spaziali a bordo di dozzine di satelliti commerciali e governativi, telescopi spaziali, tute per astronauti e in un’ampia gamma di veicoli per il lancio di razzi. Quando le condizioni sono critiche e le applicazioni gravose, le conoscenze tecniche sono essenziali per garantire il successo”.

 

(I-TALICOM)