LONDRA – Boeing prevede una crescita costante e una maggiore sostenibilità per la flotta dell’aviazione commerciale europea nei prossimi 20 anni, dal momento che la stragrande maggioranza della flotta esistente verrà sostituita con modelli più efficienti dal punto di vista dei consumi. Secondo il Commercial Market Outlook (CMO) 2021, la previsione a lungo termine di Boeing di domanda di aerei commerciali e servizi, grazie ai vettori low cost e a un mercato dei viaggi di piacere in rapida espansione, i vettori europei avranno bisogno di 8.705 nuovi aerei per un valore di 1,25 trilioni di euro entro il 2040,

I mercati globali e continentali dei viaggi aerei si stanno riprendendo ampiamente come previsto da Boeing lo scorso anno. La domanda di viaggi aerei in Europa sta guidando la ripresa con l’allentamento delle restrizioni sanitarie e di viaggio, seguita dal ritorno dei viaggi a lungo raggio ai livelli pre-pandemia entro il 2023-2024.

La riduzione dei consumi di carburante rimane una priorità assoluta per Boeing e per i vettori nel mercato europeo. Per le rotte a corto raggio, le compagnie aeree europee dovrebbero investire ulteriormente in nuovi modelli a corridoio singolo più capienti che riducono il consumo di carburante e le emissioni. Per le flotte a lungo raggio, si prevede che le compagnie aeree sfruttino i widebody di nuova generazione, come il 787 e il 777X, che migliorano significativamente l’efficienza. Secondo il CMO, entro il 2040 il 90% dell’attuale flotta europea sarà sostituita con modelli più efficienti dal punto di vista dei consumi, superando la quota di sostituzione globale dell’80%.

“Se è vero che l’Europa è stata colpita in modo significativo durante la pandemia, le politiche coordinate messe in atto all’interno del continente hanno sbloccato una significativa domanda di viaggi aerei, determinando un’accelerazione della ripresa”, ha affermato Darren Hulst, Vicepresidente del marketing commerciale di Boeing. “Gli aerei a corridoio singolo saranno inizialmente il principale motore dell’espansione della capacità di soddisfare la domanda in Europa. Nel segmento a lungo raggio, vediamo un’enorme opportunità per i vettori di sostituire gli aerei più vecchi e meno efficienti con modelli bimotore più versatili che riducono il consumo di carburante, le emissioni di CO2 e l’inquinamento acustico”.

“Boeing è focalizzata su un approccio sfaccettato alla decarbonizzazione dell’aviazione, sostenuto dai nostri sforzi nello sviluppare partnership innovative in tutto il mondo”, ha affermato Brian Moran, Vicepresidente Boeing Sustainability Policy and Partnerships. “Progettare e fornire aerei più efficienti dal punto di vista del consumo di carburante è fondamentale per questa strategia, oltre a consentire attivamente la transizione del settore verso le energie rinnovabili con un focus sui carburanti per l’aviazione sostenibili e sulle tecnologie avanzate”.

Il CMO prevede, inoltre, che l’industria dell’aviazione commerciale europea avrà bisogno di oltre 405.000 nuovo personale dell’aviazione entro il 2040, inclusi piloti, tecnici e personale di cabina.

 

Il CMO Europa 2021 include le seguenti proiezioni fino al 2040:

  • Si prevede che il traffico passeggeri cresca del 3,1% annuo, con una crescita della flotta del 2,7%.
  • La domanda di 7.100 velivoli a corridoio singolo sarà guidata dalla continua crescita nel segmento dei vettori low-cost, che ora rappresenta oltre il 50% della capacità intraeuropea.
  • La domanda di 1.545 nuovi widebody, compresi i modelli passeggeri e cargo, servirà le reti a lungo raggio, comprese le rotte punto a punto e hub-and-spoke.
  • Si prevede che la flotta globale di aerei cargo crescerà del 70% nel periodo di previsione di 20 anni, compresa la domanda di 85 nuovi cargo in Europa.
  • Opportunità di mercato dei servizi dell’aviazione commerciale valutate a quasi 1,6 trilioni di euro.
(I-TALICOM)