CHICAGO – Dennis Muilenburg, Chairman, Presidente e CEO Boeing, ha annunciato ieri varie azioni immediate intraprese per rafforzare il continuo impegno aziendale verso la sicurezza di prodotti e servizi.

Tali azioni seguono le recenti indicazioni fornite dal Board of Directors di Boeing, come risultato di cinque mesi di revisione indipendente delle policy e dei processi aziendali per la progettazione e lo sviluppo dei suoi aerei da parte di un comitato apposito, al quale Muilenburg ha dato il via a seguito degli incidenti dei 737 MAX sui voli 610 di Lion Air e 302 di Ethiopian Airlines. Le indicazioni del Comitato per le policy – supportato dalla presenza massiccia di esperti interni ed esterni – sono focalizzate sul miglioramento ulteriore della sicurezza nell’azienda e nell’intero ecosistema aerospaziale.

“La sicurezza è al centro di ciò che siamo qui in Boeing e i recenti incidenti sul 737 MAX peseranno enormemente su di noi per sempre. Ci hanno ricordato ancora una volta l’importanza del nostro lavoro e ci hanno portato a intensificare il nostro impegno a migliorare continuamente la sicurezza dei nostri prodotti e servizi”, ha dichiarato Muilenburg. “Il mio team ed io accogliamo le indicazioni del nostro board e stiamo procedendo a implementarle immediatamente in tutta l’azienda, in collaborazione con i nostri dipendenti, continuando contemporaneamente a espandere i nostri sforzi per potenziare la sicurezza in Boeing e nell’industria aerospaziale. Ringraziamo il nostro board e i membri del comitato per il loro lavoro scrupoloso e per il supporto in essere. Boeing si impegna a essere sempre in prima linea, guidando in maniera proattiva e spingendo verso miglioramenti continui nella sicurezza dell’aerospazio globale”.

In aggiunta all’Aerospace Safety Committee permanente del Board of Directors Boeing annunciato in precedenza, Muilenburg ha condiviso l’informazione che Boeing sta lanciando una nuova organizzazione Product and Services Safety, che rafforzerà ulteriormente il focus safety-first dell’azienda. L’organizzazione unificherà le responsabilità relative alla sicurezza attualmente gestite dai vari team attraverso i diversi business Boeing e le unità operative.

Il team sarà guidato da Beth Pasztor, Vice President of Product and Services Safety, che riporterà sia al Board of Directors Aerospace Safety Committee Boeing che a Greg Hyslop, chief engineer and senior vice president of Engineering, Test & Technology di Boeing. L’organizzazione porterà tutti i team Boeing – e i talenti esterni laddove necessario – a innalzare la consapevolezza sulle questioni legate alla sicurezza all’interno dell’azienda, migliorando ulteriormente la sicurezza di prodotti e servizi a livello aziendale.

Pasztor, da 34 anni in Boeing, ha precedentemente ricoperto il ruolo di vice president of Safety, Security & Compliance di Boeing Commercial Airplanes, dove è stata responsabile dell’integrazione della sicurezza del prodotto e delle azioni di regulatory compliance, oltre che di varie iniziative sul tema.

L’organizzazione è responsabile della revisione di tutti gli aspetti della sicurezza dei prodotti, compresa l’analisi la pressione eccessiva e le preoccupazioni dei prodotti anonimi e la sicurezza del servizio espresse dai dipendenti. Pasztor inoltre supervisionerà l’Accident Investigation Team aziendale e i board di revisione della sicurezza, oltre a Organization Designation Authorization – gli esperti dell’azienda ingegneri e tecnici che rappresenta la Federal Aviation Administration nelle attività di certificazione degli aerei.

Insieme agli input del comitato speciale, Muilenburg ha anche annunciato che gli ingegneri dell’azienda, compresa la nuova organizzazione Product and Services Safety, riporteranno direttamente a Hyslop, il cui focus sarà sulla salute e la capacità della funzione Engineering e i relativi fabbisogni aziendali. Questa ridefinizione aiuterà a potenziare l’expertise della divisione ingegneria, a incoraggiare l’approccio aziendale nel rapporto con i clienti, le business unit e le priorità operative oltre a enfatizzare l’importanza della sicurezza. Inoltre pone un ulteriore accento sulla creazione di opportunità di crescita professionale per gli ingegneri in tutta l’azienda.

“Questi cambiamenti rafforzeranno il nostro team e amplificheranno il focus sulla sicurezza, dando benefici ai nostri clienti e alle prestazioni operative e intensificheranno l’attenzione sull’apprendimento, gli strumenti e lo sviluppo dei talenti in azienda”, ha aggiunto Muilenburg.

Boeing ha anche costituito un Design Requirements Program per sviluppare una cultura di cambiamento continuo, apprendimento e innovazione; accrescendo il Continued Operation Safety Program per aumentare visibilità e trasparenza di tutti i report sulla sicurezza e sulla potenziale sicurezza; collaborando con i clienti commerciali e di difesa e altri stakeholder, per assicurare che i progetti di flight deck continuino ad anticipare le necessità dei piloti futuri; ed espandendo il ruolo e il valore del Safety Promotion Center per accrescere la cultura Boeing sulla sicurezza.

In contemporanea e in aggiunta alle raccomandazioni del board, Muilenburg ha annunciato altri passi che Boeing sta portando avanti per migliorare il suo modo di gestire la questione sicurezza nell’azienda e presso la sua catena di fornitori, concentrandosi sull’eccellenza operativa, investendo nelle persone e, in collaborazione con altri soggetti della comunità aerospaziale, lavorando per perfezionare la sicurezza dell’aviazione globale.

Questo comprende l’espansione dell’utilizzo aziendale di un sistema di gestione comprensivo e di board di revisione della sicurezza per standardizzare le policy e gli obiettivi sulla sicurezza, condividere le best practice, gestire il rischio, valutare le prestazioni, incrementare la visibilità e rafforzare ulteriormente la cultura sulla sicurezza aziendale. Un sistema di valutazione anonimo, nato in Commercial Airplanes e diffuso in tutta l’azienda, incoraggia i dipendenti a occuparsi delle questioni di potenziale sicurezza che saranno poi revisionate dall’organizzazione Product and Services Safety.

Gli investimenti nella simulazione di volo potenziata e le capacità di uso del computer hanno aumentato la capacità dell’azienda di testare un’ampia gamma di scenari, che hanno portato a migliorare la sicurezza del prodotto. Ad esempio, nelle ultime settimane, gli ingegneri responsabili della parte software hanno percorso 390.000 ore di volo sul 737 MAX – l’equivalente di 45 anni di volo. Gli studi avanzati di R&D nelle cabine di pilotaggio future sono in corso, sfruttando il lavoro all’avanguardia nella scienza del fattore umano e del design.

“In aggiunta al nostro focus su un sistema di gestione comune della sicurezza, stiamo creando nuove posizioni di leadership con l’autorità, la responsabilità e la trasparenza necessarie per ottenere progressi misurabili; indirizzare i fabbisogni crescenti dei piloti, dei talenti e la formazione dei tecnici di manutenzione oltre all’educazione STEM; oltre a investire in aree come il product design, le cabine di pilotaggio del futuro, le infrastrutture, la normativa e le tecnologie. Avremo presto molte informazioni da condividere relativamente a questo nostro impegno.

“Garantire la sicurezza dei voli per i passeggeri, i piloti e gli equipaggi è una nostra priorità, ora che lavoriamo per il rientro in servizio del 737 MAX”, ha continuato. “Continueremo a imparare dai recenti incidenti, a condividere ciò che abbiamo imparato con l’intera comunità aeronautica ed emergere migliori e più forti come azienda e come industria”.

(I-TALICOM)