Amsterdam – Airbus ha comunicato i risultati finanziari consolidati del 1°semestre chiuso al 30 giugno 2020. “L’impatto della pandemia di COVID-19 sui nostri dati finanziari è ora molto visibile nel secondo trimestre, con le consegne di aerei commerciali dimezzate rispetto a un anno fa nel 1°semestre”, ha dichiarato il CEO di Airbus Guillaume Faury. “Abbiamo calibrato il business per affrontare il nuovo ambiente di mercato su base industriale e la catena di fornitura sta ora lavorando in linea con il nuovo piano. È nostra ambizione non consumare denaro prima di fusioni e acquisizioni e finanziamenti ai clienti nel secondo trimestre 2020. Ci troviamo di fronte a una situazione difficile con incertezze future, ma con le decisioni che abbiamo preso, riteniamo di essere adeguatamente posizionati per affrontare questi tempi difficili nel nostro settore. ”

Gli ordini netti

Gli ordini netti di aeromobili commerciali sono ammontati a 298 (1°semestre del 2019: 88 aeromobili), inclusi 8 aeromobili nel secondo trimestre, con il portafoglio ordini composto da 7.584 aeromobili commerciali al 30 giugno 2020. Airbus Helicopters ha prenotato 75 ordini netti (1°semestre 2019: 123 unità), di cui 3 Solo H145, 1 Super Puma e 1 H160 solo nel secondo trimestre. L’assunzione di ordini di Airbus Defence and Space è aumentata a € 5,6 miliardi.

I ricavi consolidati

I risultati finanziari dimostrano che i ricavi consolidati sono diminuiti a € 18,9 miliardi (1° semestre 2019: € 30,9 miliardi), spinti dal difficile contesto di mercato che ha avuto un impatto sul business degli aeromobili commerciali con circa il 50% di consegne in meno rispetto all’anno precedente, grazie ai tassi di cambio più favorevoli. Consegnati in totale 196 aeromobili commerciali (1° semestre 2019: 389 aeromobili), compresi 11 A220, 157 A320 Family, 5 A330 e 23 A350. Airbus Helicopters ha registrato ricavi stabili, riflettendo consegne inferiori di 104 unità (1° semestre 2019: 143 unità) parzialmente compensate da servizi più elevati. I ricavi di Airbus Defence and Space sono stati influenzati da volumi e mix più bassi, in particolare da Space Systems, nonché dai ritardi in alcuni programmi causati dalla situazione COVID-19.

La produzione di aeromobili commerciali

Le tariffe di produzione degli aeromobili commerciali ora sono conformi al nuovo piano di produzione annunciato nell’aprile 2020, in risposta alla situazione COVID-19. L’attuale situazione del mercato ha portato ad un leggero aggiustamento del tasso A350 da 6 a 5 aeromobili al mese per ora. Sulla A220, la Final Assembly Line (FAL) di Mirabel, in Canada, dovrebbe tornare progressivamente ai livelli pre-COVID al tasso 4, mentre il nuovo FAL in Mobile, negli Stati Uniti, è stato aperto come previsto a maggio. Alla fine di giugno, non è stato possibile consegnare circa 145 aerei commerciali a causa del COVID-19.

(I-TALICOM)