HPE realizzerà il supercomputer più potente della Repubblica Ceca per  la ricerca e lo sviluppo  della scienza e dell’ingegneria

147

MILANO – Hewlett Packard Enterprise (HPE) ha annunciato oggi che IT4Innovations National Supercomputing Center, un centro di calcolo ad alte prestazioni (HPC) leader nella Repubblica Ceca per la R&S e l’innovazione, ha scelto HPE per costruire il supercomputer più potente della Repubblica Ceca. L’accordo fa parte dell’EuroHPC Joint Undertaking, un’iniziativa tra l’UE, i paesi europei e i partner tecnologici dell’industria per coordinare e combinare le loro risorse per sviluppare supercomputer exascale di classe mondiale in Europa.

Il nuovo supercomputer, con il titolo di lavoro “EURO_IT4I” che è stato dato da IT4Innovations, sarà alimentato da soluzioni di supercalcolo (HPC) e intelligenza artificiale (AI) di HPE per far progredire le capacità di modellazione e simulazione e accelerare la scoperta per la ricerca in corso nel campo della scienza, della medicina e dell’ingegneria. Le aree di esempio che IT4Innovations mira a raggiungere utilizzando il sistema includono il miglioramento delle previsioni del tempo, lo sviluppo di infrastrutture più verdi e sostenibili e l’avanzamento della scoperta di farmaci per trovare una cura a COVID-19.

“Siamo lieti di collaborare con HPE per contribuire all’obiettivo dell’EuroHPC Joint Undertaking di offrire tecnologie e competenze leader del settore HPC e AI ai team di ricerca europei e cechi”, ha dichiarato Vit Vondrak, Direttore di IT4Innovations. “HPE è in una posizione unica per fornire l’infrastruttura e i servizi completi che la prossima era del supercalcolo richiede, e insieme stiamo fornendo uno dei più potenti supercomputer in Europa che andrà a beneficio della scienza, dell’industria e della società nel suo complesso”.

La missione in corso di IT4Innovations per diventare il centro di supercomputer leader in Europa
IT4Innovations National Supercomputing Center fa parte del VSB – Università Tecnica di Ostrava e, insieme ad altre due istituzioni, forma e-INFRA CZ, la più grande infrastruttura elettronica per la scienza, la ricerca e l’istruzione nella Repubblica Ceca.

Con nuove soluzioni alimentate ad HPE, IT4Innovations sta espandendo le proprie risorse di ricerca e sviluppo per consentire l’utilizzo di tecniche di IA che possono migliorare significativamente la precisione e accelerare la scoperta quando applicate a simulazioni di dati scientifici complessi. Il nuovo sistema di IT4Innovations sarà inoltre significativamente più veloce che mai per eseguire un numero maggiore di calcoli, con una prestazione teorica di picco di 15 petaflop, equivalente a 15 quadrilioni di operazioni in virgola mobile al secondo.

HPE alimenterà il nuovo supercomputer con i sistemi HPE Apollo 2000 e HPE Apollo 6500, costruiti appositamente per supportare la combinazione di carichi di lavoro HPC, come la modellazione e la simulazione, con l’IA e altre applicazioni ad alta intensità di dati. Dispone di oltre 500 GPU NVIDIA A100 Tensor Core e di una rete per ottenere prestazioni di IA mirate.

HPE includerà anche il sistema HPE Apollo 2000 Direct Liquid Cooled System per aumentare l’efficienza energetica e la densità di potenza trasferendo il calore generato dal nuovo supercomputer con un processo raffreddato a liquido. Per gestire ulteriormente l’elaborazione e lo storage dei dati da grandi carichi di lavoro AI e applicazioni su larga scala, HPE integrerà anche il sistema di storage Cray ClusterStor E1000, che utilizza funzioni software e hardware personalizzate per soddisfare i requisiti di storage ad alte prestazioni di qualsiasi dimensione e supportare la continua crescita dei dati di IT4Innovations.

“HPE fornisce le tecnologie di supercomputing più potenti al mondo e, facendo parte dell’EuroHPC Joint Undertaking, ci impegniamo a collaborare con le organizzazioni nazionali europee per alimentare i loro futuri viaggi pre-exascale ed exascale”, ha dichiarato Jan Kameníček, Managing Director di HPE Repubblica Ceca. “HPE collaborerà strettamente con IT4Innovations per soddisfare le sue specifiche esigenze di R&S con potenti tecnologie HPC e AI che aumenteranno significativamente le prestazioni e consentiranno nuove capacità per applicazioni ad alta intensità di dati in crescita. Non vediamo l’ora di sostenere le loro missioni di ricerca e consentire alla loro comunità di affrontare sfide scientifiche più complesse e di accelerare l’innovazione”.

(I-TALICOM)