ROMA – In Norvegia è stata costruita una nave che compirà il primo viaggio senza la presenza di equipaggio a bordo e completamente elettrica.

È stata realizzata dai cantieri norvegesi Vard, che dal 2013 sono di proprietà dell’italiana Fincantieri ed è stata consegnata all’armatore norvegese Yara International che è tra i lider globali nel campo dei fertilizzanti. Per realizzarla, si è avvalsa anche della collaborazione del gruppo internazionale Kongsberg.

Il progetto è nato, però, nel 2017 dal fisico norvegese Kristian Birkeland, dal quale deriva il nome dell’imbarcazione.

È stato già effettuato un primo viaggio – test e, se l’analisi dei dati porterà ai risultati sperati, la Yara Birkeland sarà pronta per compiere il primo vero viaggio con guida autonoma, che avverrà tra due città dello stato (Herøya e Brevik) entro la fine del 2021.  Infatti, oggi si trova nel porto di Horten (Norvegia) ed è pronta a salpare.

La nave porta-container elettrica è lunga 80 metri, larga 15 e può trasportare 120 container a volta; sarà mossa da un sistema di propulsione a 900 kW e alimentata da una gigantesca batteria da 7 MWh per sostenere una velocità di crociera massima di 13 nodi, circa 24 chilometri all’ora. Lo scopo di questo mercantile è proprio quello di rispettare l’ambiente e ridurre drasticamente il livello di emissioni di CO2.

Il controllo della navigazione sarà affidato a tre centri di controllo a terra. Nei primi mesi il carico e lo scarico della nave sarà ancora affidato ai portuali, ma, l’obiettivo è di rendere totalmente autonome tutte le operazioni. Ha come scopo principale proprio quello di trasportare le merci via mare limitando al minimo l’inquinamento.

La nave, per diventare interamente autonoma, dovrà leggere e coordinare le informazioni provenienti dai radar, lidar, sensori e videocamere che ha a bordo e dovrà interfacciarli con le informazioni GPS e le comunicazioni via satellite.

Se questo progetto porterà ai risultati sperati, si potrà considerare come l’inizio di una vera rivoluzione nel mondo del commercio marittimo.

(I-TALICOM)
Sono laureata in Giurisprudenza e svolgo la pratica forense presso uno studio di diritto civile e diritto del lavoro. Sin da piccola ho sempre avuto una forte passione per la scrittura; credo che le parole, unite al potere della vera informazione, hanno un valore molto importante. Sono sempre stata una persona molto curiosa, con voglia di conoscere ciò mi circonda. Proprio per questo, con Controcampus mi occupo della rubrica attualità; con i miei articoli, cerco di comunicare ai lettori ciò che accade quotidianamente in modo chiaro, semplice ed originale, sperando di lasciare un messaggio ben preciso. Le caratteristiche che più mi rappresentano sono determinazione, semplicità e correttezza.