NUOVA ZELANDA – È partita dal porto di Lytteltona Christchurch in Nuova Zelandala rompighiaccio Laura Bassi, l’unica nave italiana per la ricerca oceanografica in grado di navigare nei mari polari. L’arrivo presso la Stazione italiana Mario Zucchelli in Antartide è previsto intorno al 16 dicembre.

 

Inizia così la primadelle tre rotazioni previsteper la 37° campagna in Antartide del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), finanziato dal Ministero dell’Università e Ricerca e attuato dall’ENEA per la pianificazione e l’organizzazione logistica delle spedizioni e dal Cnr per la programmazione e coordinamento scientifico.

 

La missione della nave Laura Bassi,di proprietà dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale –OGS, è iniziata lo scorso 21ottobre quando ha lasciato il porto di Ravenna per raggiungere quello di Lyttelton in Nuova Zelanda dopo circa 40 giorni di navigazione. Qui, prima di partire alla volta dell’Antartide, ha completato il carico del materiale, circa 30 containers, e del carburante, circa 300mc, imbarcando 25 persone tra tecnici e ricercatori del PNRA, e 21 marinai dell’equipaggio nave.

 

Quest’anno la N/R Laura Bassi compirà tre rotazioni dalla Nuova Zelanda all’Antartide. Durante laprima tratta,il personale e il cargo saranno trasferiti alla stazione Mario Zucchelli, mentrenon sono previste tappe intermedie per lo svolgimento di attività scientifiche in mare. La nave lascerà l’Antartide prima di Natale per rientrare in Nuova Zelanda il 2 gennaio 2022, dopo una sosta di circa 5 giorni per consentire le operazioni di scarico e carico del materiale presso la stazione Mario Zucchelli e per imbarcare ilpersonale del PNRA che ha terminatola missione. Durante il viaggio di rientro saranno svolte le attività di ricerca dell’Istituto Idrografico della MarinaMilitare Italiana, con transettibatimetrici del fondale del Mare di Ross.

 

La partenza della seconda rotazione è prevista da Lyttelton il 6 gennaio 2022. Questa volta, oltre a trasportare materiale e 19 persone tra tecnici e ricercatori, svolgerà anche una campagna di ricerche oceanografiche, con attività dedicate all’osservatorio marino MORSEA e ai progetti e ai progetti AMORS, GIAVA, ISOBATA, LASAGNE, ROSSKRILL e SIGNATURE.

Terminata la campagna oceanografica, la nave approderà presso la stazione Mario Zucchelli intorno al 4 febbraio, dove resterà in rada per consentire le operazioni di scarico/carico materiali e l’imbarco di 46 persone del PNRA eripartirà alla volta di Lyttelton intorno a metà febbraio.

 

La terza e ultima rotazione è prevista dal 20 febbraio al 25 marzo 2022. La Laura Bassi non passerà nei pressi della stazione Mario Zucchelli ma 21 persone, tra tecnici e scientifici, svolgeranno nel mare di Ross attività di ricerca dedicata prevalentemente alla geofisicacon i progetti COLLAPS, DISGELI, GRETA e ISOBATA. Al termine della campagna oceanografica, la nave farà rientro in Italia intorno alla prima decade di maggio 2022, dopo circa 45 giorni di navigazione.

 

Anche a tutto il personale in missione a bordo della nave è stato applicato lo stringente protocollo sanitario, messo a punto lo scorso anno dal Consiglio dei direttori dei programmi nazionali antartici (COMNAP) per far fronte alla pandemia. Prima della partenza tutti i partecipanti sono stati invitati a completare il ciclo di vaccinazione COVID-19 e a vaccinarsi contro l’influenza stagionale e lo pneumococco. Inoltre, tutto il personale partecipante alla campagna navale del PNRA è stato sottoposto a rigorosi controlli sanitari sia prima della partenza dall’Italia, sia all’arrivo nel gateway antartico neozelandese. Per evitare che il virus Covid si diffonda anche nel continente Antartico, all’ingresso sul territorio neozelandese a Christchurch, prima dell’imbarco, tutti hanno trascorso una rigida quarantena di 14giorni isolati in una stanza d’albergo.

 

(I-TALICOM)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments