Phishing 2020: Google e Amazon i brand più imitati

193

Phishing: Google e Amazon i marchi più imitati, Apple scende al 7 posto

MILANO – Secondo un nuovo rapporto di CheckPoint, Google e Amazon sono stati i marchi più imitati per gli attacchi di phishing durante il secondo trimestre di quest’anno, mentre Apple è scesa al 7 ° posto durante questo trimestre. È interessante notare che Apple è stata il marchio leader per gli attacchi di phishing durante il primo trimestre di quest’anno.

Secondo le stime, il phishing è il punto di partenza di oltre il 90% degli attacchi informatici e, secondo il Data Breach Investigations Report 2019 di Verizon, il 32% delle violazioni dei dati ha coinvolto attacchi di phishing. In Brand Phishing, l’hacker imita di essere un sito ufficiale di un marchio noto utilizzando un URL o un dominio simile. Di solito, gli aggressori utilizzano pagine Web simili alle pagine Web dei siti Web ufficiali.

Il Brand Phishing Report per il secondo trimestre mostra anche che Facebook è stato il marchio più imitato su smartphone. Il rapporto suggerisce che Google e Amazon hanno rappresentato il 13% delle truffe di phishing del marchio ciascuna, mentre Facebook, così come WhatsApp, hanno rappresentato il 9% delle truffe di phishing del marchio ciascuna.

Gli attacchi di Phishing più frequenti

Gli exploit di phishing basati sul Web sono stati il ​​tipo più comune durante il secondo trimestre, mentre anche gli attacchi di phishing tramite e-mail sono aumentati durante il secondo trimestre di quest’anno e sono stati il ​​secondo tipo più comune, rispetto al primo trimestre di quest’anno, dove gli exploit di phishing e-mail sono stati il ​​terzo tipo più comune. Tra le varie piattaforme di attacco, gli attacchi basati sul Web hanno rappresentato il 61% delle truffe di phishing del marchio, mentre la posta elettronica ha rappresentato il 24%. L’allentamento delle restrizioni sul coronavirus in tutto il mondo potrebbe essere la ragione di questo cambiamento poiché le aziende stanno riaprendo in tutto il mondo ei lavoratori stanno tornando al lavoro.

Secondo il rapporto, Microsoft ha rappresentato il 7% delle truffe del marchio seguito da Outlook, che ha rappresentato il 3% degli attacchi di phishing del marchio. Netflix, Apple, Huawei e PayPal rappresentavano il 2% ciascuno, mentre i principali settori industriali dei marchi erano tecnologia, banche e social network.

I consigli

Nel giugno di quest’anno, i ricercatori hanno assistito a un sito fraudolento che cercava di imitare la pagina di accesso di iCloud e rubare le credenziali di accesso. I ricercatori suggeriscono agli utenti di confermare che utilizzano o ordinano da siti Web autentici e di non aprire collegamenti ombreggiati / promozionali ricevuti tramite e-mail. Si consiglia alle persone di fare attenzione alle offerte speciali in quanto possono essere i maggiori colpevoli di crimini informatici. Ad esempio, uno sconto dell’80% su un nuovo Apple iPhone di solito non è un’opportunità di acquisto affidabile.

(I-TALICOM)