Digital learning e connettività: il Wi-Fi 6E nella scuola di oggi e domani

523

Bruce Miller, Vice President of Enterprise Marketing CN esamina il ruolo delle nuove tecnologie wireless nei processi educativi

 

MILANO – Tutti ormai siamo consapevoli del ruolo che la tecnologia, e la connettività in particolare, può avere nella costruzione di un sistema didattico che offra agli alunni esperienze di apprendimento efficaci e allo stesso tempo coinvolgenti e il Wi-Fi 6E rappresenta in questo senso un formidabile abilitatore.

Prima di tutto, iniziamo a capire cos’è il Wi-Fi 6E. L’aspetto più importante di questa nuova generazione di Wi-Fi è che aggiunge il supporto per la banda a 6 GHz. Ciò amplia lo spettro disponibile per il Wi-Fi da due a tre volte (i risultati variano a seconda del paese) e questo rappresenta di gran lunga la più grande espansione della capacità per il Wi-Fi nei suoi 25 anni di storia. La conseguenza è che c’è molto più spazio disponibile per supportare connessioni affidabili e prive di congestione, assieme ad altri miglioramenti, ad esempio nel supporto del client Wi-Fi ad alta densità e una ridotta latenza del traffico. Questi vantaggi sono molto importanti nel mondo dell’istruzione, in cui l’alta densità di studenti e dispositivi richiede connettività in aule, auditorium, biblioteche, impianti sportivi e altro per supportare applicazioni critiche.

La tecnologia esistente, pre-Wi-Fi 6E, ha ancora la capacità sufficiente per supportare queste tipologie di utilizzo oggi? Per la stragrande maggioranza degli scenari odierni, la risposta è sì. Nella maggior parte dei casi le tecnologie Wi-Fi 5 e Wi-Fi 6 sono sicuramente sufficienti. Tuttavia, in chiave futura, le tendenze relative alla dipendenza dalla tecnologia e ai requisiti di utilizzo sono in costante aumento nell’istruzione, poiché nuove applicazioni, sempre più assetate di banda e bisognose della massima affidabilità, vengono incorporate nel sistema didattico.

Alcuni esempi:

Test e valutazioni online , che rivestono un’importanza significativa per le scuole. Quando vengono eseguiti, la rete Wi-Fi deve funzionare perfettamente e non può essere il motivo per cui un test non possa essere gestito o che uno studente non riesca a connettersi correttamente.

Applicazioni di collaborazione video come Zoom, Meet e Teams che supportano l’apprendimento remoto e ibrido. Queste applicazioni possono creare problemi di capacità su alcune reti scolastiche, il problema principale è garantire un servizio affidabile e sempre disponibile, dato che questi programmi sono molto sensibili ai parametri di qualità della rete come latenza, jitter e perdita di pacchetti.

Applicazioni ad elevata larghezza di banda come realtà aumentata/realtà virtuale (AR/VR), che vedranno un sempre maggiore utilizzo nel tempo e porteranno a requisiti ancora più severi per le reti wireless. Queste applicazioni sarebbero state impossibili da gestire con le tecnologie wireless disponibili anni fa, ma i progressi della tecnologia Wi-Fi delle ultime generazioni ne hanno consentito l’introduzione.

Il Wi-Fi 6E pone le basi per migliorare la qualità della rete wireless e abilitare queste applicazioni critiche oggi e in futuro. Sebbene molte di queste sfide e i nuovi requisiti potrebbero non avere un impatto immediato e diretto sulle scuole di oggi, inevitabilmente a un certo punto dovremo fare i conti con le nuove esigenze. Per le decisioni di acquisto prese oggi o nel prossimo futuro, il Wi-Fi 6E dovrebbe dunque essere preso in considerazione, visti i vantaggi che porta.

Ecco alcuni punti chiave da considerare:

Durata della rete : la vita media di una rete Wi-Fi è di circa cinque anni. Non c’è dubbio che il Wi-Fi 6E diventerà significativamente più pervasivo nell’utilizzo durante questo lasso di tempo.

Disponibilità dei dispositivi : sebbene non ci siano molti client Wi-Fi 6E in uso oggi, sono in realtà disponibili dall’inizio del 2021. Il numero di consegne a livello globale è di centinaia di milioni. È molto probabile che oggi su qualsiasi rete siano già presenti client compatibili con Wi-Fi-6E. Un certo numero di telefoni cellulari e alcuni laptop supportano il Wi-Fi 6E a partire dall’inizio del 2022 e altri arriveranno sul mercato nel tempo.

Aspetti economici : quando una nuova tecnologia diventa disponibile, potrebbe avere un prezzo premium ed il livello di spesa richiesto è naturalmente una considerazione molto importante nell’istruzione, quindi l’investimento in Wi-Fi 6E deve essere naturalmente essere considerato alla luce dei vantaggi che offrirà rispetto ad altre soluzioni sul mercato.

In questo contesto, in che modo le soluzioni Wi-Fi 6E di Cambium Networks sono applicabili alle esigenze del mercato educativo, oggi e domani?

Il miglior Wi-Fi 6 disponibile ora – Nonostante il fatto che oggi sia possibile sulla rete Wi-Fi avere pochi o addirittura nessun client Wi-Fi 6E, gli acccess point (AP) Wi-Fi 6E di Cambium rappresentano la migliore soluzione disponibile. Con più radio rispetto agli AP standard, tre o cinque radio sui modelli XE3-4 e XE5-8 di Cambium rispetto a due radio su un tipico AP Wi-Fi 6, offrono una maggiore capacità e flessibilità supportando dispositivi Wi-Fi 5 e 6 sulla rete. I nuovi AP sfruttano anche i più recenti e migliori chipset radio e di processore. Tutto ciò significa poter acquistare in anticipo rispetto al ciclo tecnologico e quindi poter sfruttare prestazioni, caratteristiche e funzionalità migliori, anche senza abilitare la banda a 6 GHz.

Migrare quando si è pronti – Gli AP della serie XE supportano le radio “software defined”, il che significa che alcune radio sugli AP possono essere configurate per funzionare in modalità Wi-Fi 6 a 5 GHz o Wi-Fi 6E a 6 GHz. E’ possibile configurare questi AP come dispositivi Wi-Fi 6 oggi e riprogrammare le radio in modo che funzionino a 6 GHz quando quei dispositivi inizieranno ad essere visualizzati sulla rete in numero maggiore. Le piattaforme di gestione cnMaestro™ e XMS-Cloud di Cambium monitoreranno automaticamente la rete Wi-Fi e consiglieranno quando è necessario abilitare i 6 GHz. Questo tipo di flessibilità è fondamentale quando viene introdotta una nuova tecnologia: avere compatibilità con i requisiti esistenti e allo stesso tempo fornire una roadmap per il futuro quando si è pronti. Tutto questo significa in sostanza protezione dell’investimento e longevità del sistema.

Alta densità ottimizzata – L’AP Cambium XE5-8 è assolutamente unico nel settore con cinque radio Wi-Fi in grado di supportare centinaia di dispositivi con un singolo AP (il massimo assoluto è 2.500). Per luoghi in cui si verifica un utilizzo del Wi-Fi ad alta densità, ad esempio auditorium, palestre, centri studenteschi, arene sportive, biblioteche, mense, ecc., l’XE5-8 è l’ideale in quanto un AP può sostituirne da tre a quattro tradizionali con due radio. Ciò riduce i costi delle apparecchiature, i percorsi dei cavi, le spese di installazione, il consumo di energia e i costi di manutenzione, riducendo il Total Cost of Ownership in modo estremamente significativo.

L’introduzione del Wi-Fi 6E rappresenta perciò un momento di svolta per il Wi-Fi. I progressi tecnologici che fornisce insieme ai concreti vantaggi economici costituiscono una combinazione vincente da considerare per le istituzioni educative che devono investire nelle loro reti per il futuro.

(I-TALICOM)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments