ESPOO – Nokia e Vodafone hanno lanciato oggi un prodotto di machine learning (ML) sviluppato congiuntamente, in esecuzione su Google Cloud, per rilevare rapidamente e rimediare alle anomalie di rete prima che abbiano un impatto sui clienti Vodafone.

 

Basato sulla tecnologia di Nokia Bell Labs e sviluppato dopo un accordo Nokia-Vodafone firmato nel 2020, il prodotto Anomaly Detection Service è in fase di lancio su tutta la rete paneuropea di Vodafone. Il prodotto rileva rapidamente e risolve le irregolarità, come la congestione e l’interferenza dei siti mobili e la latenza inaspettata, che possono avere un impatto sulla qualità del servizio ai clienti.

 

Dopo una prima implementazione in Italia su più di 60.000 celle 4G, Vodafone estenderà il servizio a tutti i suoi mercati europei entro l’inizio del 2022. Il rilevamento delle anomalie è offerto “as-a-service”, una dimensione importante per la strategia del gruppo di business Cloud and Network Services di Nokia, e ci sono piani per applicare alla fine l’Anomaly Detection Service alle reti 5G e core di Vodafone.

 

Vodafone si aspetta che circa l’80% di tutti i suoi problemi di rete mobile anomali e le richieste di capacità saranno automaticamente rilevati e affrontati utilizzando Anomaly Detection Service.

 

L’implementazione su Google Cloud permette agli ingegneri di Vodafone di prendere decisioni rapide e informate, come aumentare la capacità dove i clienti ne hanno più bisogno, sulla base dei dati gestiti attraverso i servizi di dati e analisi sicuri e affidabili di Google Cloud. Su Google Cloud, Anomaly Detection Service permette lo streaming dei dati di rete alla piattaforma di data analytics di Vodafone, consentendo l’analisi simultanea dei dati in ambienti multi-vendor.

 

L’accordo Nokia-Vodafone firmato l’anno scorso completa il recente accordo di sei anni di Vodafone con Google Cloud, anch’esso partner di Nokia, per costruire congiuntamente capacità integrate basate sul cloud e sostenute da centri di competenze di ingegneria di rete e software.

 

Johan Wibergh, Chief Technology Officer, Vodafone, ha detto: “Stiamo costruendo una rete automatizzata e programmabile che può rispondere rapidamente alle esigenze dei nostri clienti. Mentre estendiamo il 5G in tutta Europa, è importante abbinare la velocità e la reattività di questa nuova tecnologia con un ottimo servizio. Con il machine learning, possiamo garantire una prestazione di alta qualità costante che è intelligente come la tecnologia che c’è dietro”.

 

Amol Phadke, Managing Director, Telecom Industry Solutions, Google Cloud, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di collaborare con Nokia e Vodafone per fornire una soluzione guidata dai dati e dall’AI che scala rapidamente e sfrutta l’automazione per aumentare l’efficienza dei costi e garantire esperienze dei clienti senza soluzione di continuità in tutta Europa. Poiché i comportamenti cambiano e i dati necessari per l’analisi aumentano in velocità, volume e complessità, l’automazione e una piattaforma dati basata sul cloud sono ora fondamentali per prendere decisioni rapide e informate.”

 

Anil Rao, Research Director, Analysys Mason, ha dichiarato: “Il caso d’uso di Vodafone per il rilevamento delle anomalie, sviluppato in collaborazione con Nokia ed eseguito su Google Cloud, automatizza l’analisi delle cause profonde per un’efficiente pianificazione, ottimizzazione e gestione della rete. Questo tipo di partnership fornisce una nuova opportunità per gli operatori di ripensare la gestione dei dati e aumentare l’attenzione sui casi d’uso e lo sviluppo delle applicazioni.”

 

Raghav Sahgal, presidente di Cloud and Network Services, Nokia, ha dichiarato: “Questa prima implementazione commerciale di Anomaly Detection Service con Vodafone su Google Cloud fornisce una grande spinta al servizio clienti. Non solo risponde alla necessità critica di rilevare rapidamente e porre rimedio alle anomalie che hanno un impatto sulle prestazioni della rete utilizzando algoritmi basati sul machine learning, ma mette anche in evidenza la leadership tecnologica di Nokia e la profonda competenza tecnica dei Nokia Bell Labs.”

 

(I-TALICOM)