– KABUL (AFGANISTAN) – Sono almeno 16 persone, tutti i civili, rimaste uccise ed altre 120 ferite nell’attacco avvenuto nella notte a Kabul, capitale del’Afghanistan. “L’esplosione è stata causata da un trattore carico di esplosivi”, ha detto il portavoce Nasrat Rahimi in un messaggio ai media. Cinque attaccanti sono stati uccisi e le operazioni di ricerca e salvataggio sono continuate fino alle 05:00 locali (1:30 italiane), ha detto. L’attacco, rivendicato dai talebani, è avvenuto vicino al vasto complesso del Green Village, sede di agenzie di aiuto e organizzazioni internazionali. È successo mentre l’inviato americano Zalmay Khalilzad è a Kabul per discutere con i funzionari afgani il progetto di accordo di pace tra americani e talebani. I residenti del quartiere di Qabil Bai, dove si trova il Green Village, hanno inscenato stamane una protesta, bruciando pneumatici e bloccando un’arteria vicino al luogo dell’esplosione. Secondo gli abitanti, la presenza di stranieri è un pericolo per il vicinato. “Vogliamo che questi estranei lascino il nostro quartiere. Questa non è la prima volta che soffriamo a causa loro. Ogni volta che vengono presi di mira, i nostri uomini, donne e bambini vengono uccisi. Non li vogliamo più qui”, ha detto uno di loro. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)