– ROMA – Quella che si annuncia domani 10 dicembre è la prima grande manifestazione per contestare i 6.300 esuberi dell’ex Ilva e che fanno parte del piano di intervento di Arcelor-Mittal dopo le riunioni delle settimane scorse al tavolo del Mise. Domani in Piazza SS. Apostoli a Roma si concentreranno le sigle sindacali in rappresentanza degli oltre 20 mila lavoratori della fabbrica d’acciaio in concessione all’azienda franco-indiana.Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm hanno iniziato in queste ore un volantinaggio davanti ai portelli del polo siderurgico ArcelorMittal, a Taranto, in vista dello sciopero nazionale di domani. A Taranto lo sciopero avrà inizio alle 23 di oggi e durerà 32 ore.Una situazione calda che lo stesso Segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, aveva stigmatizzato esortando la convocazione di un tavolo tra governo e sindacati per un piano d’intervento strategico necessario per fronteggiare la crisi industriale diffusa nel paese. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)