– ROMA – Un agguato dal sapore di in esecuzione avvenuta con un colpo esploso alla nuca a distanza ravvicinata. Così è stato ucciso nel parco degli Acquedotti, in via Lemonia all’altezza del civico 273, in zona Cinecittà,Fabrizio Piscitelli, capo degli ultras della Lazio.È stato raggiunto dal colpo d’arma da fuoco alla testa con il proiettile che lo ha centrato trapassandolo all’altezza dell’orecchio sinistro. Secondo quanto si apprende a sparare sarebbe stato un uomo travestito da corridore. Sul posto i poliziotti del commissariato Tuscolano. Piscitelli, nato nel 1966, era noto nell’ambiente del tifo biancoceleste per essere lo storico capo degli Irriducibili della Lazio. In passato è finito in manette per droga. Tre anni fa i finanzieri del comando provinciale di Roma avevano confiscato a Piscitelli beni per due milioni di euro. Un provvedimento che seguiva l’arresto di Diabolik, eseguito dai finanzieri nell’ottobre del 2013 dopo una breve latitanza, perché ritenuto promotore e finanziatore di un traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Sul suo conto corrente una cifra ragguardevole. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)