Due piloti della German Air Force iniziano la Fase IV dell’addestramento al volo sul velivolo T-346A.
I piloti tedeschi si aggiungono a quelli del Qatar, che hanno già iniziato l’ultimo step dell’addestramento avanzato al volo (Advanced/Lead-In to Fighter Training) presso la scuola di volo italiana.

 


ROMA – L’International Flight Training School (IFTS) continua ad accogliere nuovi frequentatori: due piloti tedeschi della German Air Force hanno da poco iniziato, infatti, presso il 61°  Stormo di Galatina (Lecce), la fase di addestramento avanzato al volo, la cosiddetta Fase IV – Lead- In to Fighter Training – nell’ambito di un accordo siglato dal Generale di Squadra Aerea Alberto  Rosso, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, e dal Maj. Gen. Klement, Commander of the Flying Units della German Air Force.


L’addestramento dei piloti tedeschi si aggiunge a quello – già in corso da giugno sempre presso la IFTS – di piloti della Qatar Emiri Air Force che hanno già completato i moduli di addestramento sintetico sia sul Partial Task Trainer (PTT) che sul Full Mission Simulator (FMS) – gli ultratecnologici simulatori integrati nel sistema di addestramento connesso al velivolo T -346A – e hanno già iniziato la parte istruzionale in volo.

L’accordo italo-tedesco per l’addestramento avanzato al volo prevede la possib ilità di estendere in futuro la collaborazione anche alla Fase III, propedeutica al conseguimento d el Brevetto di Pilota Militare.


L’International Flight Training School nasce dalla collaborazione strategica tra l’Aeronautica Militare e Leonardo per la realizzazione di un centro avanzato di addestramento al volo che costituisce il riferimento internazionale per il training dei piloti militari a partire dalla Fase IV (Advanced /Lead-In to Fighter Training) e prevede una partnership industriale tra Leonardo e CAE per le attività di manutenzione/supporto della flotta velivoli e dei simulatori.
S
i tratta di un virtuoso esempio di collaborazione e sinergia per il sistema paese in grado di soddisfare la crescente domanda dei paesi partner per la formazione dei propri piloti.

Il progetto IFTS ha messo a fattor comune due eccellenze nazionali: l’expertise e la tradizione dell’Arma Azzurra e le capacità di Leonardo nel settore dell’addestramento.


La decisione della Forza Aerea Tedesca, dopo quella del Qatar, di inviare i propri piloti ad addestrarsi in Italia presso l’IFTS, testimonia concretamente l’apprezzamento per il sistema addestrativo italiano e per le potenzialità di questo ambizioso progetto a livello internazionale.


Un nuovo campus IFTS presso la Base dell’Aeronautica Militare di Decimomannu in Sardegna è in corso di realizzazione, una vera e propria accademia del volo in grado di ospitare allievi, personale tecnico nonché aree ricreative, mensa, impianti sportivi, infrastrutture logistico -manutentive che dovranno gestire l’operatività della flotta di 22 velivoli M-346 (denominato T-346A dall’Aeronautica Militare). Un intero edificio sarà dedicato al Ground Based Training System (GBTS) per ospitare le aule di formazione e l’installazione di un moderno sistema di addestramento basato su sistemi di simulazione di ultima generazione.

(I-TALICOM)