– MELBOURNE – Fabio Fognini vola al terzo turno degli Australian Open, primo slam della stagione in corso sul campo  di cemento di Melbourne. Il tennista ligure ha battuto l’australiano Jordan Thompson, numero 66 del mondo. Il 32enne di Arma di Taggia ha vinto i primi due set 7-6 (4), 6-1, per poi cedere i successivi due 3-6 e 4-6. Al quinto l’azzurro, dopo oltre quattro ore di gioco, si è imposto 7-6 (10-4) garantendosi la qualificazione al terzo turno, dove affronterà l’argentino Guido Pella, 22esima testa di serie, che ha battuto il francese Gregoire Barrere 6-1, 6-4, 3-6, 6-3. “Il primo set l’ho vinto ma ho giocato malino – ha detto Fognini che come miglior risultato a Melbourne vanta il quarto turno raggiunto nel 2014 e nel 2018 – il secondo invece sembravo Federer, mi è riuscita qualsiasi cosa , ma questo mi ha fatto pensare troppo. Ad inizio del terzo ho giocato un game stupido e lì ho temuto che la partita mi sfuggisse di mano perché Thompson ha iniziato a fare numeri che vanno al di là  della sua classifica perché avevo dolori dappertutto. Poi per fortuna ho giocato un grande tie-break”.
Disco rosso al secondo turno per Matteo Berrettini e Jannik Sinner. Berrettini, numero 8 del mondo, è stato battuto in cinque set dallo statunitense Tennys Sandgren, numero 100 della classifica Atp, giocatore capace sul cemento di grandi exploit, tra cui i quarti di finale raggiunti propio a Melbourne due anni fa: 7-6 (9/7), 6-4, 4-6, 2-6, 7-5 il punteggio finale dopo 3 ore e 27 minuti di gioco. Nel set decisivo Sandgren ha fatto il break decisivo all’undicesimo gioco dopo aver annullato tre palle break nell’ottavo game. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)