– ROMA – La Questura di Roma vieta i funerali pubblici per Diabolik ma la famiglia del capo degli ultrà della Lazio ricorre al Tar. Il questore di Roma Carmine Esposito ha deciso di vietare che i funerali si svolgano «in forma pubblica e solenne» per «motivi di ordine pubblico». Si teme infatti che per la «partecipazione emotiva dell’interno contesto nazionale delle tifoserie» si possa verificare qualche incidente, come è successo la sera stessa dell’omicidio quando i cronisti che lavoravano sul luogo del delitto sono stati aggrediti dagli ultrà, presi a spintoni.I funerali di Fabrizio Piscitelli, ucciso da un colpo di pistola che potrebbe vedere la pista di clan albanesi attivi in Italia, si dovrebbero svolgere nelle prime ore di martedì 13 agosto nel cimitero Flaminio. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)