– ROMA – Anastasya Kylemniyk, la fidanzata di Luca Sacchi ucciso dai due ragazzi arrestati ieri notte mentre si nascondevano in due luoghi diversi della città, non ci sta a a far passare l’ipotesi delle ultime ore che fanno risalire l’omicidio non ad un tentativo di scippo andato male ma ad una richiesta di droga che i due fidanzati avrebbero fatto agli autori dell’aggressione. Di diverso parere sembra essere il capo della polizia Franco Gabrielli. Ma questo si vedrà con gli ulteriori sviluppi dell’inchiesta.Sta di fatto che grazie ad una delle mamme dei due giovani arrestati si è riusciti a rintracciarli uno nel quartiere di San Basilio ed un altro in un residence. La versione di Kylemniyk è che i due si erano recati al pub per incontrare il fratellino di Luca ma li fuori è accaduto lo scippo dello zaino, il colpo alle spalle per la ragazza mandandola in terra e la reazione di Luca che come racconta Anastasya avendolo visto atletico e grosso hanno avuto paura ed hanno esploso il colpo alla testa al fidanzato. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)