– ROMA – L’Italia si conferma avanguardia dell’industria europea del riciclo, attestandosi per il recupero degli imballaggi al terzo posto (con un tasso di riciclo al 67%), dopo Germania (71%) e Spagna (70%). La classifica emerge dal “Rapporto sull’economia circolare” redatto da Fise Unicircular.Diverse filiere degli imballaggi (carta, vetro, plastica, legno, alluminio e acciaio) hanno già superato, o sono a un passo dal farlo, i nuovi obiettivi previsti a livello europeo per il 2025, altre (RAEE, veicoli fuori uso) crescono più lentamente. Il settore del riciclo si conferma strategico per il nostro Paese che senza materie prime può invece contare ogni anno su 12 milioni di tonnellate di materie prime per l’industria nazionale che arrivano dal riciclo. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)