– UDINE – Luci e fiaccole da Nord a Sud, si riaccendono ancora una volta, a 4 anni di distanza, per ricordare quella morte priva di verità e di responsabili che avvolge la vicenda oscura dell’uccisione di Giulio Regeni.In piazza sono scesi gli attivisti di Amnesty International insieme ai tanti che ancora sollecitano al governo italiano un intervento “meno morbido” con le autorità egiziane che si sono mostrate piuttosto indolenti nel fornire una versione credibile dei fatti.Alla fiaccolate di Fiumicello, in provincia di Udine, ha partecipato la famiglia di Giulio, il presidente della Camera Roberto Fico e il presidente della commissione d’inchiesta Erasmo Palazzotto. –

Fonte: PrimaPress.it

(I-TALICOM)