TOLOSA – Airbus SE ha annunciato di aver ripreso parzialmente la produzione in Francia e Spagna, a seguito dei controlli sanitari e di sicurezza effettuati dopo l’attuazione di misure restrittive. Inoltre, la Società sostiene gli sforzi a livello globale per affrontare la crisi COVID-19.

Airbus ha svolto importanti lavori in coordinamento con le parti sociali per garantire la salute e la sicurezza dei propri dipendenti, assicurando al contempo la continuità delle sue attività. L’attuazione di queste misure ha comportato l’interruzione temporanea delle attività di produzione e assemblaggio nei suoi siti francesi e spagnoli per quattro giorni. Le postazioni di lavoro riapriranno solo se conformi alle nuove misure sanitarie e di sicurezza in termini di igiene, pulizia e auto-distanziamento, migliorando al contempo l’efficienza delle operazioni in nuove condizioni di lavoro.

Misure simili sono applicate a tutti gli altri siti del gruppo in tutto il mondo, senza interruzione totale delle attività.

Per tutte le altre attività non produttive, a livello globale, Airbus continua a supportare il telelavoro ove possibile. Ad alcuni dipendenti verrà chiesto di tornare alle proprie postazioni di lavoro per garantire la continuità delle operazioni dopo l’implementazione di queste nuove misure di sicurezza. A febbraio, la catena di montaggio finale a Tianjin, in Cina, ha ripreso le operazioni dopo uno stop temporaneo relativo all’epidemia di coronavirus. Ora il sito è completamente operativo.

Airbus supporta tutte le persone che, nei servizi sanitari, di emergenza e pubblici, si affidano ai suoi aeromobili, elicotteri, satelliti e servizi per compiere le loro missioni critiche. Negli ultimi giorni, Airbus ha donato diverse migliaia di mascherine agli ospedali e ai servizi pubblici europei e ha iniziato a utilizzare i suoi aeromobili di prova per trasportarne grandi quantità dalla Cina. Inoltre, questo fine settimana un aeromobile di prova A330-800 ha trasportato circa 2 milioni di maschere mediche da Tianjin in Europa, la maggior parte delle quali sarà donata ai governi spagnolo e francese. Nei prossimi giorni sono previsti altri voli.

“La salute e la sicurezza dei dipendenti sono la priorità numero uno in Airbus, quindi le postazioni di lavoro nei nostri siti in Francia e Spagna riapriranno solo se soddisfano gli standard richiesti. Desidero esprimere un apprezzamento per l’impegno dei nostri dipendenti che garantiscono la continuità delle nostre attività in stretto coordinamento con le nostre parti sociali e altri stakeholders. Allo stesso tempo stiamo facendo tutto il possibile per supportare le persone in prima linea per combattere il coronavirus e limitarne la diffusione. Stiamo cercando di essere all’altezza dei nostri valori, umili di fronte alla complessità della situazione, di contribuire il più possibile alla società in questi tempi molto difficili”, ha affermato Guillaume Faury, CEO di Airbus.

Airbus si impegna a garantire la salute e la sicurezza dei propri dipendenti mantenendo al contempo la capacità di consegna dei propri prodotti e servizi ai propri clienti.

(I-TALICOM)