E-R9

HETHEL, UK – Lotus ha presentato la E-R9, un nuovo drammatico studio di design per un’auto da corsa di resistenza elettrica pura di prossima generazione che potrebbe essere sulla griglia di partenza dei circuiti di tutto il mondo per la stagione 2030.

Rifinito in nero e oro – un chiaro cenno al patrimonio pionieristico Lotus ‘motorsport che ha portato a 13 titoli di campionato di Formula 1 – la EV dispone di un elegante tettuccio in stile jet da combattimento montato centralmente in un corpo superiore ad ala a delta. Le innovazioni includono un’aerodinamica attiva avanzata con pannelli di carrozzeria “morphing” e superfici di controllo montate verticalmente per assistere nelle curve ad alta velocità.

La E-R9 è stata sviluppata da Lotus Engineering, la divisione di consulenza di fama mondiale dell’azienda che realizza progetti per clienti esterni. L’auto è stata creata come una vetrina tecnologica della sua filosofia, capacità e spirito innovativo nei campi dei propulsori elettrificati avanzati e dell’aerodinamica.

E-R sta per Endurance Racer, mentre 9 è il numero di gara dell’auto accuratamente scelto in omaggio al passato di Lotus nelle corse. Fu su una Lotus Mark IX che la squadra corse fece la sua prima apparizione alla 24 Ore di Le Mans, con il fondatore della società Colin Chapman tra i piloti in gara. L’anno era il 1955, il che significa che il concetto di auto da corsa E-R9 – se si corresse nel 2030 – sarebbe per celebrare il 75° anniversario della Mark IX.

La E-R9 è stata sviluppata dal team di ingegneri composto da Richard Hill, capo aerodinamico di Lotus, e Louis Kerr, ingegnere principale della piattaforma della hypercar elettrica pura Lotus Evija, nonché direttore tecnico GT di Geely Group Motorsports International. Visivamente è stata portata in vita dal team Lotus Design, guidato da Russell Carr, direttore del design per Lotus.

Richard Hill ha commentato: “Quello che abbiamo cercato di fare è spingere i confini di dove siamo tecnicamente oggi ed estrapolare nel futuro. La Lotus E-R9 incorpora tecnologie che ci aspettiamo di sviluppare e rendere pratiche. Lotus ha una storia incredibile di sviluppo di soluzioni uniche, e lo abbiamo fatto molte volte nel motorsport e con le nostre auto da strada”.

Tra le innovazioni aerodinamiche dell’auto ci sono i pannelli della carrozzeria ‘morphing’. Situati lungo il profilo dell’ala a delta, questa adattabilità – in cui le superfici attive possono cambiare la loro forma e il loro atteggiamento nei confronti del flusso d’aria sia premendo un pulsante da parte del pilota sia automaticamente in base agli input dei sensori di prestazioni – fornirebbe una resistenza minima sui rettilinei e la massima deportanza nelle curve. Le superfici di controllo verticali nella parte posteriore genererebbero forze aerodinamiche per aiutare l’auto a cambiare direzione, senza le limitazioni di aderenza all’area di contatto dei pneumatici. Il risultato è un’auto da corsa che è in parte guidata come una macchina e in parte volata come un jet da combattimento.

La Lotus E-R9 è dotata di una trasmissione elettrica avanzata che alimenta ogni ruota in modo indipendente, un sistema potenziato con torque-vectoring. Si basa sulla tecnologia già integrata sulla hypercar elettrica pura Lotus Evija, anche se per la E-R9 sarebbe completamente regolabile dal conducente in movimento.

Louis Kerr ha commentato: “La densità di energia delle batterie e la densità di potenza si stanno sviluppando significativamente di anno in anno. Prima del 2030, avremo batterie a chimica cellulare mista che daranno il meglio di entrambi i mondi, così come la capacità di ‘hot-swap’ delle batterie durante i pitstop”.

 

What do you want to do ?

New mail

(I-TALICOM)