I principali player aeronautici francesi voleranno al 100% con carburante alternativo

TOLOSA – Airbus, Safran, Dassault Aviation, ONERA e il Ministero dei Trasporti lanciano congiuntamente uno studio in volo, previsto per la fine del 2021, per analizzare la compatibilità del carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) non miscelato con gli aeromobili a corridoio singolo e con i sistemi di motori e carburanti degli aeromobili commerciali, nonché con i motori degli elicotteri. Questo volo sarà realizzato con il sostegno del “Plan de relance aéronautique” (piano di rilancio dell’aviazione del governo francese) gestito da Jean Baptiste Djebbari, ministro dei trasporti francese.

Conosciuto come VOLCAN (VOL avec Carburants Alternatifs Nouveaux), questo progetto misurerà per la prima volta le emissioni di un aeromobile a corridoio singolo in volo utilizzando SAF al 100%.

Airbus è responsabile della caratterizzazione e dell’analisi dell’impatto delle emissioni a terra e in volo del 100% SAF utilizzando un aeromobile di prova A320neo alimentato da un motore CFM LEAP-1A. Safran si concentrerà sugli studi di compatibilità relativi all’adattamento del sistema di carburante e del motore per aeromobili commerciali ed elicotteri e sulla loro ottimizzazione per vari tipi di carburanti 100% SAF. L’ONERA sosterrà Airbus e Safran nell’analisi della compatibilità del carburante con i sistemi degli aeromobili e sarà incaricata di preparare, analizzare e interpretare i risultati dei test per l’impatto del 100% SAF sulle emissioni e la formazione delle scie. Inoltre, Dassault Aviation contribuirà agli studi di compatibilità dei materiali e delle attrezzature e verificherà la suscettibilità alla biocontaminazione del 100% SAF.

I vari SAF utilizzati per il progetto VOLCAN saranno forniti da TotalEnergies.

Inoltre, questo studio sosterrà gli sforzi attualmente in corso presso Airbus e Safran per garantire che il settore dell’aviazione sia pronto per la diffusione e l’uso su larga scala dei SAF come parte della più ampia iniziativa di decarbonizzazione dell’industria. Contribuirà anche all’obiettivo finale di raggiungere il 100% di certificazione SAF negli aeromobili commerciali a corridoio singolo e nella nuova generazione di business jet.

(I-TALICOM)