UCB ottiene il marchio CE per ava Connect®, un dispositivo elettronico primo nel suo genere da associare al trattamento con farmaco biologico in reumatologia e dermatologia

170

MILANO – UCB, azienda biofarmaceutica globale, ha annunciato che il dispositivo elettronico di iniezione ava Connect®, primo nel suo genere, ha ricevuto la dichiarazione di conformità (CE).  Il marchio CE indica la conformità agli standard di salute, sicurezza e protezione ambientale per i prodotti venduti all’interno dello Spazio economico europeo (SEE).

 

Ava Connect® e la cartuccia dosatrice monouso sono utilizzati per l’autoiniezione di CIMZIA® (certolizumab pegol), una terapia anti-TNF utilizzata per il trattamento di adulti con artrite reumatoide, spondiloartrite assiale, artrite psoriasica e psoriasi (ci si riferisca alla sezione “In merito a CIMZIA®” riportata di seguito per avere informazioni complete sulle indicazioni). È il primo dispositivo riutilizzabile del suo genere in Europa, disponibile per l’uso con il trattamento biologico in reumatologia e dermatologia. Per accompagnare ava Connect® e supportare ulteriormente i pazienti, UCB ha anche sviluppato CimplyMe®, un’applicazione mobile di accompagnamento. Entrambi contribuiscono alla missione di UCB di trasformare il modo in cui viene fornito il supporto ai pazienti e di accelerare il più possibile il raggiungimento di risultati migliori per le persone che vivono con gravi malattie, in linea con la sua digital business transformation.

 

“In UCB, stiamo aumentando la nostra capacità di fornire un valore differenziante al paziente con soluzioni tecnologiche avanzate. Con la recente accelerazione della telemedicina, ava Connect® e CimplyMe® possono aiutare a migliorare l’esperienza del paziente e contribuire a rendere più facile il dialogo con gli operatori sanitari, anche al di fuori delle visite in presenza, fornendo rapporti di monitoraggio dei sintomi e dell’aderenza al trattamento. Con queste innovazioni tecnologiche, UCB mira ad essere pioniera nella medicina digitale per le persone affette da patologie reumatologiche e dermatologiche”, ha detto Emmanuel Caeymaex, Executive Vice President, Immunology Solutions and Head of US, UCB.

 

L’e-device ava Connect® è stato sviluppato insieme ai pazienti per affrontare le sfide della gestione dell’iniezione e del trattamento che possono portare a una bassa persistenza. Fino al 68% dei pazienti che si iniettano da soli il farmaco risultano non-compliant dopo un anno di trattamento, con un conseguente aumento dell’utilizzo delle risorse sanitarie (ad esempio, ricoveri, visite in ospedale, costi del trattamento, ecc.) a causa dei risultati non ottimali del trattamento. Questa osservazione si basa su 19 studi che riportano dati di compliance su pazienti con artrite reumatoide e malattia di Crohn trattati con infliximab, adalimumab, golimumab ed etanercept.

 

Il dispositivo ha un ago nascosto e un’impugnatura antiscivolo per assistere i pazienti con problemi di manualità. Il grande pulsante di avvio/pausa e la possibilità di scelta della velocità di iniezione forniscono ai pazienti il controllo delle loro iniezioni. Lo schermo informativo permette ai pazienti di accedere alle istruzioni passo dopo passo, conferma il completamento dell’iniezione e fornisce notifiche sulla data dell’iniezione. Gli studi hanno dimostrato che i pazienti trovano il dispositivo elettronico facile da usare e sono soddisfatti della loro esperienza di auto-iniezione8.

 

L’e-device ava Connect® registra anche le date delle iniezioni, permettendo di monitorare oggettivamente l’aderenza del paziente, che può essere condivisa con i medici. I sensori cutanei interrompono automaticamente un’iniezione se si perde il contatto con la pelle e l’ago si ritrae all’interno del dispositivo. Dopo il riposizionamento, l’iniezione può continuare, prevenendo lo spreco di farmaci e aiutando a garantire che il paziente riceva la dose completa. Le funzioni di sicurezza assicurano che prima che venga effettuata un’iniezione la cartuccia del farmaco venga automaticamente controllata per verificare l’identità del farmaco, lo stato di scadenza e lo stato d’utilizzo.

 

CimplyMe®, l’applicazione mobile di accompagnamento per ava Connect®, consente un’esperienza di trattamento per i pazienti che adotta un approccio olistico alla gestione delle malattie croniche. Usando CimplyMe® con ava Connect®, i pazienti saranno in grado di accedere ai dati relativi alle loro iniezioni, alla gestione della loro malattia e alle informazioni sul loro trattamento, oltre che di tracciare e monitorare i sintomi della loro malattia e ricevere dei promemoria per le iniezioni. Il dispositivo ava Connect® può essere associato a CimplyMe® tramite uno smartphone Bluetooth.

 

CimplyMe® può creare report che i pazienti possono condividere con i loro medici, con l’obiettivo di favorire consultazioni più efficienti e decisioni di trattamento informate, guidati dalle misurazioni raccolte e dal registro delle iniezioni.

 

L’e-device ava Connect® fa parte di un portafoglio di dispositivi di auto-iniezione CIMZIA® che comprende la siringa pre-riempita CIMZIA® e la penna pre-riempita AutoClicks®. Il portafoglio mira a fornire agli operatori sanitari e ai pazienti la possibilità di identificare insieme il dispositivo giusto per le esigenze del paziente e quindi di contribuire a migliorare l’esperienza di auto-iniezione del paziente, contribuire ad aumentare l’aderenza e, potenzialmente, migliorare i risultati clinici.

(I-TALICOM)